Condominio, la riforma esce a pieni voti dal comitato ristretto della commissione Giustizia della Camera

In sintesi, la riforma prevede, tra le norme più importanti: l’estensione della disciplina ai supercondominii, la possibilità dei condomini di chiedere all’amministratore la diffida all’uso difforme delle parti comuni, maggioranze più facili per decidere le innovazioni (con casistica più ampia), norme specifiche per installare antenne tv satellitari, pannelli solari e impianti di videosorveglianza, criterio di competenza per il rendiconto condominiale e regole ampie per il controllo dei giustificativi di spesa, la riduzione a solo un terzo dei millesimi (e non delle teste) come maggioranza minima per approvare le delibere in seconda convocazione, il divieto per i creditori di rivalersi sui condomini in regola con i pagamenti delle rate e la solidarietà tra acquirente e venditore dell’appartamento sinché l’amministratore non venga avvisato della vendita, la possibilità di cambiare le tabelle quando le modifiche alterano per almeno il 20% i valori proporzionali dell’edificio, la prededucibilità delle rate condominiali per manutenzione ordinaria e straordinaria.

Il termine per gli emendamenti è il 5 giugno 2012.

no images were found

Leggi l’articolo

Il testo approvato dal Senato e modificato dalla Commissione

Questa voce è stata pubblicata in Condominio. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *